Insieme per cantare, suonare, danzare 2017

20170403_120033si2 

Successo in musica per la Scuola dell’Infanzia Papa Giovanni XXIII di Arona

Ottime notizie giungono dal Concorso Nazionale “Insieme per suonare, cantare, danzare” dell’Associazione Culturale Arte di Omegna, quest’anno, come gli scorsi anni frequentatissimo e con migliaia di giovani iscritti e scuole di ogni ordine e grado provenienti da tutta Italia: un segno di consenso davvero eccezionale per una iniziativa caratteristica del nostro Territorio.

Anche il gruppo formato da diversi alunni della Scuola dell’Infanzia Papa Giovanni XXIII di Arona, diretta da Sara Bacchetta e Don Paolo Bellussi, si è distinto e ha ottenuto un ottimo Secondo Posto con 92/100, in considerazione della qualità dell’esibizione musicale che ha prodotto di fronte ad una Commissione di Esperti.

La partecipazione a questo concorso è stata voluta insieme alla Direttrice, dalle Maestre Giulia Gaggini, Cristina Turello, Maria Vellini e dall’esperto Musicale Prof. Marino Mora proprio per lo scopo dichiarato dall’Associazione organizzatrice e dalla necessaria qualità adatti ad un gruppo scolastico di questa età. Gli esperti commissari, infatti, tengono conto, all’interno della prova di esibizione, dell’espressività, della gioia del cantare e del suonare, in altre parole del lato ludico ed espressivo della musica: un dato che è emerso in particolare nell’esibizione dei piccoli aronesi.

Felici i bambini, che hanno interpretato tre canzoni originali scritte per l’occasione, “Giro girotondo”, “Arcobaleno”, “Luce”, con contenuti molto intensi e dedicati a Madre Teresa di Calcutta, al bisogno umano di incontrare la Luce della Fede, alla solidarietà e al dono espresso a chi ha più bisogno di noi.

Questi contenuti molto importanti vengono offerti ai bambini anche attraverso gli spunti che di volta in volta i temi dei concorsi proposti dalle associazioni territoriali presentano stimolando la composizione di nuovi brani di “scrittura creativa” secondo il metodo didattico utilizzato dal prof. Mora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *