Un percorso grafo-motorio attraverso il metodo Venturelli ha accompagnato i bambini della sezione Arcobaleno di 4-5 anni in quest’anno scolastico, un metodo che focalizza l’attenzione sul graduale processo di acquisizione delle competenze del bambino, sia percettivo – motorie, cognitive, emotive e relazionali, grafiche, in una visione che tiene conto della formazione globale del bambino, attraverso giochi stimolanti, tracciati di pregrafismo.
Un altro aspetto caratterizzante di quest’approccio è l’importanza attribuita all’autovalutazione, come modalità meta-cognitiva che consente al bambino di rendersi conto dei suoi progressi sia in itinere sia confrontandosi con i compagni, il bambino ha, infatti, l’opportunità di riflettere su quanto ha appreso e su come ha vissuto anche emotivamente le attività proposte, se per lui/lei sono stati facili e se gli sono piaciute.
In queste settimane, ai bambini sono stati proposti giochi motori e percorsi di manualità al fine di conoscere le forme geometriche divertendosi. In una prima fase sono stati proposti giochi motori, dove i bambini dovevano nel minor tempo possibile ricercare ed associare più materiali della stessa forma tra quelli presenti in sezione in un tempo stabilito dall’insegnante, giochi motori dove i bambini dovevano seguire il comando dato dagli amici seguendo la forma geometrica tracciata sul pavimento, sviluppando anche la competenza dell’ascolto.
In una seconda fase, sono stati proposti tracciati di coloritura e di sequenze di forme geometriche con materiali differenti attraverso attività a percorso.
Tutte queste attività hanno permesso loro di sviluppare e di consolidare il controllo oculo-manuale e grafo-motorio. Questa settimana i bambini hanno creato una marionetta Geo-forma che hanno portato a casa venerdì, a conclusione del percorso fatto sulle forme geometriche.
I bambini hanno disegnato nella forma corrispondente al comando dell’insegnante il corpo, le mani e i piedi della marionetta. In seguito hanno ritagliato le forme: il triangolo, i quadrati, i cerchi.
In un secondo momento hanno ritagliato quattro pezzi di filo lunghi uguali, due per le gambe e due per le braccia. Infine hanno fissato le mani ed i piedi al corpo. Ed ecco la marionetta pronta e subito a giocare con la nuova amica Geoforma!